Pulito sicuro

Pulito sicuro

In evidenza

a cura di Psicologo in Blue Jeans


Vi siete mai soffermati a leggere il nome di questo magazine? Anche se non lo avete mai fatto, prendetevi un minuto con me e guardatelo con attenzione: Puliti e Felici.  

Da non perdere

Siete mai sovrappensiero? 
Avete mai la sensazione di aver scordato qualche cosa?
Vi capita di non ricordare dove avete riposto un determinato oggetto o documento? 

Oggi vi presentiamo il dott. Emanuele Tomasini, il nostro Psicologo in blue jeans, che ci accompagnerà durante tutto l’anno per offrirci una visione speciale del nostro rapporto con la cura della casa e delle pulizie.

Dott. Tomasini, ci parli un po’ di lei.

Sulle etichette dei prodotti per la casa e industriali, oltre alle icone di sicurezza, sono riportati alcuni importanti simboli di pericolo.

Prima domanda:  vi ricordate di leggere le etichette dei prodotti per la cura della casa che acquistate? 

Seconda domanda: quando vi ritrovate di fronte a degli strani disegnini su quella posta dietro il flacone come vi comportate? Li guardate come geroglifici oppure cercate di approfondire e interpretarli? 

Alcune semplici regole rendono sicura la presenza di detergenti in casa e il loro uso. 

1° regola: non travasare 
La sostituzione del contenitore è una pratica che va assolutamente evitata per scongiurare accidentali scambi di un prodotto. 

Viaggiando per l’Italia a caccia di #CasalinghiDoc, durante il nostro #PulitieFelicinTour, vi abbiamo mostrato un segnale di pericolo e un’icona di sicurezza chiedendovi che cosa rappresentassero.

Attraverso i sondaggi su questo magazine e durante gli incontri avvenuti nelle città d’Italia, abbiamo scoperto di dover esplicitare maggiormente il significato di un simbolo molto comune sulle etichette dei prodotti per la cura della casa: il punto esclamativo

Sono sempre più diffusi,  in rete e in televisione, i consigli per produrre detergenti home made con l’obiettivo di risparmiare e avere maggiore cura dell’ambiente.

Internet è uno strumento incredibile che ha rivoluzionato il nostro modo di pensare e agire.
Ha favorito la condivisione di dati, offrendo ai più la possibilità di fruire in tempo reale di notizie prima difficilmente reperibili.

I prodotti per la pulizia e la manutenzione della casa in generale utilizzano sostanze molto stabili, che si mantengono per un periodo molto più lungo di quanto una persona possa immaginare.

Se siete genitori probabilmente questo è un periodo molto impegnativo a causa dei frequenti casi di pediculosi dei bambini.

Spesso vengono mosse infondate accuse ai detergenti e ai prodotti per la manutenzione della casa, soprattutto quando si tratta di inquinamento indoor e deodoranti ambientali.

Rassegniamoci:  nonostante le temperature piuttosto miti, la bella stagione è davvero finita ed è arrivato il momento di riordinare il giardino o il terrazzo e dire addio alle vostre griglie o al barbecue fino alla prossima stagione.

Navigando sul web è facile trovare numerosi riferimenti all’aceto, il cui utilizzo è spesso consigliato per gli usi più disparati.

Le temperature hanno appena iniziato ad abbassarsi ed ecco che ci troviamo invasi dalle cimici: sì, quei fastidiosi insettini verdi, bruniti o con il dorso maculato, che iniziano a sbattere contro le nostre finestre, a infilarsi negli anfratti dei nostri infissi o nello spazio tra i doppi vetri.

Ogni tanto ricordarlo fa bene: i prodotti per le pulizie sono sicuri se utilizzati in maniera corretta e custoditi in luoghi opportuni.

Ecco un vademecum di tutte le regole da seguire per una casa pulita e a prova di bambino!

Habitat differenti, zanzare differenti, comportamenti differenti. 

 

In Italia sono state identificate circa 70 specie diverse di zanzare, tutte con caratteristiche e abitudini diverse.

IN CASO DI INGESTIONE

 

CHE COSA NON FARE

  • Niente panico, è inutile e spaventa, soprattutto i bambini,
  • Non provocare il vomito,
  • Non far bere ai bambini nulla, soprattutto il latte,
  • Non improvvisare rimedi casalinghi

 

CHE COSA FARE

Il bicarbonato di sodio: tipologia e modi d’uso.

Il bicarbonato di sodio è una polvere bianca e fine ed è un sale di sodio dell’acido carbonico. È nominato dalla IUPAC (Unione Internazionale di Chimica Pura ed Applicata) “idrogenotriossocarbonato di sodio”, usato anche come additivo alimentare ed identificato dall’Unione europea con la sigla E500.

Pagine

La playlist

Le pulizie domestiche sono più divertenti a tempo di musica!

> ASCOLTALA ORA <

Newsletter

Abbonati alla newsletter di Puliti&Felici, riceverai ogni 4 mesi I migliori articoli da Puliti&Felici selezionati per te dalla redazione Contenuti extra e servizi in esclusiva

Seguici su Facebook

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti". E' possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l'utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa. Proseguendo la navigazione o chiudendo il presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
x