Pulire il box doccia in plastica, vetro e altri materiali

Mantenere sempre pulita e splendente la doccia, il sanitario che negli ultimi anni sta diventando sempre più un elemento di design dall’estetica curata e minimale, è una delle principali preoccupazioni di chi si dedica alle faccende domestiche e, in particolare, alla cura del bagno.
Nei mesi scorsi abbiamo viso come combattere il calcare che sia accumula al suo interno, pulire il piatto doccia e le piastrelle ed effettuare la manutenzione del soffione, perciò a questo punto non dobbiamo fare altro che dedicarci alle pareti del box doccia per farle tornare lucide e splendenti.

Per trattare queste componenti, a prescindere che siano di plastica o di cristallo, è sufficiente un buon anticalcare spruzzato direttamente sulle superfici e strofinato con una spugna morbida, per poi procedere al risciacquo con acqua tiepida e al passaggio del tergivetro o, in alternativa, di un panno morbido per eliminare le gocce d’acqua rimanenti. Questo compito sarà facilitato e meno frequentemente necessario se avrete l’abitudine di passare il tergivetro ogni volta che fate la doccia.

Se invece la vostra doccia è dotata di tenda potete procedere con il lavaggio in lavatrice, disponendola dentro al cestello con il tessuto ben allargato insieme a qualche vecchio asciugamano per ridurre l’attrito e consultando l’etichetta per conoscere le impostazioni di lavaggio ed evitare così restringimenti indesiderati.
Qualora non siano presenti indicazioni specifiche, potete tranquillamente procedere con un ciclo standard aggiungendo del normale detersivo da bucato, mentre se il tessuto è bianco si possono selezionare temperature più alte a aggiungere candeggina per contrastarne l’ingiallimento. (ma sempre controllando la compatibilità del tessuto)

Ricordatevi infine di adottare queste semplici pratiche per mantenere sempre brillante il vostro box doccia:
- asciugate le pareti dopo ogni utilizzo, utilizzando come già anticipato un panno morbido o la spazzola per i vetri, per contrastare la formazione di residui calcarei;
- lasciate aperte porta e finestre o, in alternativa, acceso l’aspiratore dopo esservi lavati per disperdere l’umidità e prevenire la formazione di muffe;
- effettuate la pulizia dopo che la doccia è stata usata, quando le componenti sono ancora calde e bagnate, così da evitare di fare un doppio lavoro poi.



Per approfondimenti leggi anche:
Pulire le piastrelle del bagno
Il soffione della doccia e il filtro del rubinetto: pulizia e manutenzione
Come pulire il piatto doccia
Calcare vs doccia: come vincere la partita
Tutti vogliono un bagno a prova di ospite

La playlist

Le pulizie domestiche sono più divertenti a tempo di musica!

> ASCOLTALA ORA <

Seguici su Facebook

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti". E' possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l'utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa. Proseguendo la navigazione o chiudendo il presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
x