Pulire a fondo la bistecchiera

In questo particolare autunno 2020 in cui molte sagre e manifestazioni paesane della tradizione sono state cancellate o rimandate a data da destinarsi, non c’è migliore soluzione per godersi un bel pasto a base di carne alla griglia se non preparandola a casa propria.
Una volta finito di assaporare una bella bistecca, una costata oppure un filetto arriva però il momento di svolgere il compito più arduo e odiato: pulire a fondo la bistecchiera antiaderente per farla tornare linda e pulita.

Come i più assidui utilizzatori di questo utensile da cucina già sapranno, le bistecchiere che si trovano comunemente in commercio sono composte di ghisa o alluminio sui quali è stato applicato un particolare trattamento antiaderente che permette di cucinare senza bisogno di aggiungere grassi o condimenti, evitando allo stesso tempo che gli alimenti si attacchino alle piastre.

Per non compromettere questo rivestimento protettivo è quindi indispensabile evitare:
- lavaggi con detergenti aggressivi come quelli per forni o ad alte temperature, come alcuni lavaggi effettuati dalla lavastoviglie;
- tentativi di rimozione manuale di grasso e residui con oggetti appuntiti che potrebbero graffiare la patina protettiva;
- sfregamenti con spugnette per i piatti in alluminio.

Come lavare una pentola antiaderente allora?
Ecco qual è il procedimento più corretto da svolgere per effettuare una pulizia completa e sicura della vostra bistecchiera una volta terminato l’uso:
- rimuovete il grasso in eccesso con un tovagliolo di carta e risciacquate con acqua corrente, aggiungendo all’occorrenza un po’ di detersivo per i piatti;
- in caso siano presenti macchie particolarmente resistenti, lasciate in ammollo per un po’ di tempo in acqua calda per facilitare il lavaggio successivo:
- per una pulizia più accurata ed avere un certo effetto abrasivo, preparare una miscela di acqua e sale in parti uguali da lasciare agire per qualche secondo e poi strofinare con uno spazzolino con setole di nylon; ricordate però che il rischio di rovinare il rivestimento antiaderente è alto
strofinare le macchie ancora presenti con un tovagliolo o un foglio di carta aderente imbevuto d’olio per sciogliere lo sporco e passare nuovamente con la spazzola a setole morbide o, eventualmente, utilizzare le apposite spatole di silicone per la cottura;
lasciare asciugare completamente all’aria aperta prima di riporla nel suo mobile, 

Vi ricordiamo infine che non bisogna mai versare gli olii utilizzati durante la cottura nello scarico del lavandino, per non rischiare di ostruirlo con i residui di cibo e per non inquinare le acque reflue, ma che bisogna smaltirli con la raccolta differenziata. In  caso di dubbi o perplessità, il vostro Comune di residenza saprà indicarvi il luogo di raccolta più vicino. 

Non dimenticatevi comunque di godervi il momento più bello, quello in cui riporrete la vostra bistecca nel piatto.
Buon appetito!



Per approfondimenti potete leggere:
Rimuovere ogni macchia dalle superfici dei mobili della cucina
Cucina perfetta: come pulire il laccato
Pulire il piano cottura, griglie, bruciatori e spartifiamma: come rimuovere lo sporco più ostinato?
Come si pulisce la friggitrice
Come pulire tutte le griglie e le parti del forno

La playlist

Le pulizie domestiche sono più divertenti a tempo di musica!

> ASCOLTALA ORA <

Seguici su Facebook

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti". E' possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l'utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa. Proseguendo la navigazione o chiudendo il presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
x