10 Comandamenti antimacchia

Puliti & Felici - 10 Comandamenti antimacchia

Buon anno nuovo a tutte/i,
avete fatto festa? Come sono i propositi per il 2014?
 
Qualcuno di voi adesso penserà che sono un po’ fissata, perché in effetti non molto tempo fa avevo postato qualche consiglio sulle macchie sulla tovaglia. Avete ragione, sono un po’ fissata, ma come dicevano i latini ‘repetita iuvant’.
È l’inizio dell’anno e voglio togliermi questo piccolo sfizio di mettere nero su bianco i punti cardine. Ed eccomi con il decalogo antimacchia, di modo che siamo pronte per il resto dell’anno.


1 – Ricordatevi sempre di non strofinare la macchia. La prima cosa da fare è tamponare con della carta da cucina, assorbente o materiale simile. Il primo obiettivo è infatti evitare che la macchia si diffonda. Solo quando interverrete sulla macchia, in fase di pulizia, potrete eventualmente strofinarla con una pezzuola imbevuta di smacchiatore, detersivo liquido, Sapone di Marsiglia o additivo sbiancante
2 – Esistono tanti tipi di macchia. Saperle riconoscere è già una buona cosa: la macrocategoria comunque è quella tra le macchie fresche e le macchie che scoprite in seguito (già secche). Bisognerà poi distinguere fra macchie grasse e macchie a base acquosa.
3 – Una volta identificata la macchia potete scegliere di intervenire immediatamente, o di farlo prima del lavaggio. Nel primo caso ci sono prodotti specifici ad azione immediata, che possono consentire di aspettare a lavare l’intera tovaglia o capo; nel secondo esistono prodotti che trattano la macchia prima del lavaggio che farete in lavatrice e che concentrano l’azione degli agenti lavanti dove maggiormente ce ne è bisogno.
4 – Prima di intervenire sul capo macchiato, verificate l’etichetta.
5 – Se il capo da trattare non è lavabile in acqua, allora dovreste evitare tutti i trattamenti locali che contengono l’acqua.
6 – Ci sono tessuti sui quali i solventi non sono affatto adatti, per esempio i tessuti impermeabili di cuoio o di pelle. Evitate quindi di usare gli smacchiatori a base di solvente su questi capi.
7 – È sempre una buon cosa fare una prova su una parte nascosta del capo, per vedere la resistenza al trattamento.
8 – Se usate alcool etilico o altri solventi, mettete della carta assorbente sotto il tessuto per evitare che la macchia si espanda.
9 – Ricordatevi che esistono tanti prodotti specifici per le macchie. Ciò vale anche per i tipi di capi, per esempio i capi colorati necessitano di prodotti propri.
10 – Se il capo macchiato si può lavare in acqua, allora fatelo pure, magari intervenendo prima localmente sulla zona macchiata. Ciò permetterà di utilizzare una quantità maggiore di sostanze detergenti dove più serve, mentre per il resto del capo è sufficiente un lavaggio normale.
 
Non è tutto, ma vi avevo promesso un decalogo.
E sappiate che Linda mantiene sempre le promesse.
 
Buon inizio 2014.
 

Possono interessarti anche questi articoli: 
Buongiorno ragazze/i,
...

La playlist

Le pulizie domestiche sono più divertenti a tempo di musica!

> ASCOLTALA ORA <

Seguici su Facebook

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti". E' possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l'utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa. Proseguendo la navigazione o chiudendo il presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
x