Il limonene nei detersivi è davvero ricavato dagli pneumatici di scarto?

Il limonene nei detersivi è davvero ricavato dagli pneumatici di scarto?

Il limonene menzionato nell’etichetta dei detersivi è ricavato dalla distillazione dei pneumatici di scarto?!

Questa è la notizia che si sta diffondendo in rete e non solo, ma vi rassicuriamo da subito: non è così. Procediamo un po’ per volta per dipanare ogni dubbio.

Cos’è il limonene

Il limonene, come molte molecole organiche complesse può essere presente in forme molecolari che, pur chimicamente identiche, differiscono per come si dispongono nello spazio e, quindi, per le proprietà fisiche. In altre parole, la stessa molecola chimica può essere presente in due forme simmetriche, come la mano destra e la mano sinistra, che pur essendo uguali, differiscono per alcuni aspetti. Si parla in questo caso di forme racemiche o enantiomeri.

In termini più strettamente chimici: il limonene è un terpene stabile, si trova in natura come (R)- enantiomero, ma racemizza in dipentene a 300° quando è a contatto con acidi minerali, e isomerizza nell’a-terpineolo, che può facilmente essere ossidato in p- cimene, un idrocarburo aromatico.

Utilizzo del limonene

Vista la natura del materiale di partenza, si tratta di uno dei rari casi in cui la via naturale di preparazione è più economica di quella sintetica. È possibile ricavarlo anche tramite sintesi, ma tale limonene non è utilizzato nei prodotti destinati all’uso alimentare o cosmetico destinati all’uomo.

Il derivato naturale è utilizzato nei profumi per i prodotti cosmetici e per i detersivi, nell’industria alimentare come insaporitore e in botanica come insetticida. L’uso del limonene naturale è stato proposto anche come solvente per la pulizia di superfici speciali, ad esempio per la rimozione di sostanze grasse su parti meccaniche e nel restauro, ed è inoltre un solvente derivato da fonti rinnovabili (l’essenza di limone è infatti un prodotto secondario dell’industria agrumaria).

Il limonene estratto naturalmente è un possibile candidato per una varietà di applicazioni mediche, tra cui il cancro e l’AIDS, ed è stato notato per avere proprietà insetticida. Recenti studi paiono rivelare che il limonene abbia proprietà anticancerogene. [i]

Incrementa i livelli di enzimi epatici utilizzati nella neutralizzazione dei cancerogeni.

Il limonene nel detersivo.

Il limonene è dunque presente nei detersivi, anche se in realtà è solo un componente del profumo ma è di origine naturale e non nocivo per l’uomo e per l’ambiente. Nell’etichetta vige l’obbligo di segnalarne la presenza in quanto alcune persone potrebbero avere delle reazioni allergiche come qualsiasi componente di origine naturale o sintetica.

Dunque non preoccupatevi, usate pure i vostri detersivi che, di anno in anno grazie all’avanguardia tecnologica, sono studiati per non essere nocivi né per l’uomo né per l’ambiente, grazie anche al rispetto di severe normative che regolamentano la produzione degli stessi.


[i]Tsuda H, Ohshima Y, Nomoto H, et al. Cancer prevention by natural compounds, in Drug Metab. Pharmacokinet, vol. 19 n°4, agosto 2004, pp.245-63

Possono interessarti anche questi articoli: 
Il bicarbonato di sodio: tipologia e modi d’uso.
...
Conoscete tutti i simboli di sicurezza e pericolo? Vi siete mai chiesto cosa vogliono dire tutte le parole riportate sulle etichette?
...
Chi non ama aprire la porta di casa e respirare aromi di fiori e frutta, soprattutto se si hanno ospiti e si vuol fare una bella figura?
...

La playlist

Le pulizie domestiche sono più divertenti a tempo di musica!

> ASCOLTALA ORA <

Seguici su Facebook

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti". E' possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l'utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa. Proseguendo la navigazione o chiudendo il presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
x